Recensione – “One more chance”

Buon pomeriggio, miei cari lettori!
L’articolo di oggi fa parte del review party organizzato da Dri Editore per “One more chance”, la nuova uscita della collana sport romance.
Questo è il primo romanzo che leggo di Lorella Diamante, ma sono contenta di averla scoperta perché ho voltato l’ultima pagina con un sorriso soddisfatto sulla faccia.
Ciò che mi ha incuriosito maggiormente è stato il fatto che non inizia come tutte le storie d’amore.
Clayton e Ophelia si conoscono infatti da anni, e hanno anche già un trascorso che però li ha delusi, feriti e allontanati. Hanno preso strade diverse: lui si è trasferito a Chicago per giocare in un’importante squadra di football americano, mentre lei è rimasta nel paesino in cui è cresciuta a fare l’insegnante.

Recensione “Le acque del sonno eterno” di Maria Cristina Pizzuto

Buon pomeriggio, miei cari amici lettori!
Oggi vi parlo di un “libro della memoria” scritto e fornitomi da Maria Cristina Pizzuto. Perché “libro della memoria”? Ebbene, Le acque del sonno eterno racconta la storia di una bambina che dopo la perdita dei genitori si trasferisce dallo zio in un paesino del Vajont, luogo in cui avvenne un terribile disastro nella notte del 9 ottobre 1963.
Spinta dalla curiosità per l’evento storico, ho deciso di leggere questo libro che purtroppo non mi è piaciuto moltissimo. Spezzo una lancia a favore dell’autrice perché ha uno stile di scrittura scorrevole e pulito, però ci sono stati degli elementi che non mi hanno convinta. Ma bando alle ciance, vi dico subito di cosa tratta!

Recensione “L’origine degli altri” di Toni Morrison

Hello, readers!
Oggi vi parlo di un saggio di Toni Morrison nato da un ciclo di conferenze tenuto all’Università di Harvard sulla «letteratura dell’appartenenza». La penna della Morrison scorre con una fluidità unica, pur trattando argomenti delicati come la «questione razziale» e facendo un percorso a ritroso cercando di individuarne l’origine.

Recensione “Evadere dalla realtà” di Jessica Arena

Buon pomeriggio, miei cari lettori!
Oggi vi parlo di una raccolta di poesie di una mia conterranea. Jessica Arena ha sempre amato la poesia in quanto crede che abbia “la magica capacità di scaldare l’anima”. E non posso che darle ragione!
“Evadere dalla realtà” racchiude versi carichi di pathos, dolcezza e un pizzico di melanconia. Tutto ciò che una poesia deve avere per entrarti nel cuore.

Recensione “Nostalgia pubblicitaria” di Dario Pubblici

«Nostalgia, nostalgia canaglia…» cantavano Al Bano e Romina Power nel 1987. E come dar loro torto!
Tra gli anni Ottanta e Novanta è nata una generazione davvero peculiare, cresciuta a merendine e televisione nella più totale spensieratezza e ingenuità. Con il passare del tempo però, essa si trasformò in un esercito di nostalgici che tuttora fa fatica a trovare un posto nel mondo attuale…
Anche l’esperto di comunicazione Dario Pubblici faceva parte di questo plotone: la televisione è stata la sua compagna fedele e inseparabile sin dai primi anni, e amava la pubblicità anche più dei programmi che interrompeva.
Più cresceva e più si convinceva che l’epoca della sua infanzia fosse davvero ideale. Il suo desiderio più recondito divenne così l’ossessione di poter rivivere il ventennio dei magnifici Ottanta e Novanta, e non scollarsi più da quell’epoca.

Recensione “L’ascesa di Senlin” di Josiah Bancroft

Buon pomeriggio, miei cari lettori!
Ed eccomi qui a parlarvi di “L’ascesa di Senlin”, il primo libro di una trilogia che promette mooolto bene!
Josiah Bancroft ci porta lontani, nel tempo e nello spazio, in quella che nell’immaginario comune resta tuttora un mistero: la Torre di Babele. Già citata nella Genesi, sono diverse le teorie che ruotano attorno alla sua costruzione. La più comune è quella che vede gli uomini desiderosi di sfidare Dio tentando di costruire una torre che arrivasse su nel cielo fino a lui. All’epoca esisteva una sola lingua che permetteva a tutti gli uomini di comprendersi tra loro, ma l’arroganza dimostrata nel voler arrivare a Dio fece sì che il Divino si adirasse. Così gli uomini iniziarono a parlare lingue diverse e, non capendosi più, a disperdersi.

Recensione “Baci, bisticci e funghi rosa” di Mari Thorn e Anne Went

Ciao a tutti, amici lettori!
Oggi vi parlo di un libro uscito il 1° settembre, edito Dri Editore. “Baci, bisticci e funghi rosa” – già il titolo è tutto un programma! Essendo un chick lit capite bene che vi aspetta una buona dose di amore e di risate.
Perché funghi rosa? Beh, la nostra protagonista è una hippie un po’ svampita e ama fare da sé ogni cosa, persino i cappelli che a volte possono risultare molto strani 😅 Che poi gli inglesi sono rinomati per la loro passione per i cappelli stravaganti, lasciatemi passare il termine!

Recensione “Il regno corrotto. GrishaVerse” di Leigh Bardugo

Rieccomi con il secondo libro della duologia “Six of Crows”. Anche in questo caso la Bardugo mi ha conquistata già dalle prime pagine. Ne “Il regno corrotto” troviamo la stessa intensità incontrata in “Sei di corvi”. Se il primo libro però si era concentrato più sull’azione e la comprensione dei luoghi e dei personaggi, il secondo libro lascia più spazio all’introspezione psicologica e alle relazioni tra i personaggi.

Recensione “Hai cambiato la mia vita” di Amy Harmon

Buon pomeriggio, miei cari lettori!
Oggi voglio parlarvi di un libro che mi porterò sempre dentro. Avevo terminato di leggerlo già due giorni fa, ma non me la sentivo proprio di scrivere la recensione subito. Ho voluto prendermi del tempo per metabolizzarlo, per salutare tutti i personaggi anche se non mi lasceranno più. “Hai cambiato la mia vita” è un romanzo di un’intensità incredibile. Ti entra sottopelle e ti scuote anima e cuore!

Recensione “Triplo Axel” di Sonia Gimor

Ciao a tutti, amici lettori!
Ieri è uscito il nuovo romanzo di Sonia Gimor edito da Dri Editore. Triplo Axel è uno sport romance, un romanzo che ruota attorno al mondo del pattinaggio artistico. Il titolo è molto significativo perché il triplo axel è una figura del pattinaggio con la quale la nostra protagonista non va molto d’accordo all’inizio. Sarà questo l’elemento chiave per interpretare, in un certo senso, il suo stato d’animo.